Redline

…La tamarraggine definitiva sotto forma di corsa automobilistica? Ecco a voi!

Redline

Siamo in un futuro imprecisato, in una terra imprecisata. La massima espressione della velocità è data dalla corsa più pericolosa del mondo, la Redline: non solo la sicurezza dei partecipanti non è garantita in caso di incidente, ma ogni arma è permessa a bordo delle vetture! JP, un corridore dall’aspetto molto anni ’60, fa del suo meglio per battersi nelle gare di qualificazione ed arrivare a vincere la Gara delle Gare: riuscirà nel suo intento? Il suo poco affidabile partner riuscirà ad aiutarlo o finirà per mettergli i bastoni tra le ruote?

Iniziando a vedere questo film, si capisce sin dai primi secondi una cosa: spegnere il cervello è altamente consigliato. Essendo un anime basato puramente sulle corse di automobili (o, perlomeno, cose che assomigliano vagamente ad automobili), la trama è ridotta all’osso, e l’inserimento di un po’ di malavita qui e là e di qualche vago accenno di romance non cambiano il fatto che si guarda Redline per vedere macchine sfrecciare a velocità esagerate ed effettuare evoluzioni impossibili.
In tal senso, le attese vengono parzialmente soddisfatte: la corsa iniziale e quella finale sono il top, con una tamarraggine che è davvero fuori scala, mentre nel centro del film -dove la trama tenta pateticamente di svilupparsi- ci si ritrova con un po’ troppa staticità, per il genere.

Anche i personaggi sono caratterizzati solo al minimo indispensabile, ma bisogna dire che il protagonista e il suo meccanico risultano simpatici: JP è il solito buono fesso ma con le palle d’acciaio, ma anche in questo caso non c’era da aspettarsi null’altro. Rimane piuttosto oscuro il ruolo dell’amico pseudo-mafioso, che pare avere un qualche sviluppo caratteriale ma che rimane abbastanza anonimo (sebbene alla fine un suo gesto porti alla svolta finale).
Gli altri sono solo comparse, e anche Sonoshee, la protagonista, non è particolarmente brillante nel suo ruolo: guida quel che deve guidare, dice quel che deve dire e nulla più.

La grafica è decisamente particolare: la qualità è sicuramente altissima, ma il tratto ricorda molto più un disegno americano (sebbene l’anime sia 100% giapponese), che non il tradizionale tratto nipponico. Questo non è assolutamente un difetto, anche perché una muscle car rende ancor di più se disegnata con il tratto della sua terra d’origine, però è strano a vedersi.
L’audio è azzeccato per il genere, con musica truzza quanto le immagini che essa accompagna.

Insomma, Redline è un film senza pretese (anche se alcune pretese forse le aveva, dato che è stato presentato in anteprima al Festival del Film di Locarno) che si fa godere per quel che è: una massa di automobili supertamarre che sfrecciano in ogni luogo possibile, facendo più casino possibile.

Voto: 7. Non è un anime riuscito male, ma non offre nulla di particolare se non dal lato tecnico.

Consigliato a: chi ha nell’angolino del cuore una piccola anima tamarra che ogni tanto richiede un po’ di ignoranza sullo schermo; chi si diverte con corse impossibili; chi vuole vedere come sarebbero state le Wacky Races se le avessero inventate in Giappone, Muttley a parte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...