Nausicaä of the Valley of the Wind

Il primo lavoro dello studio Ghibli: la nascita di un mito.

Nausicaä of the Valley of the Wind

Ci troviamo in un lontano futuro. Mille anni fa la tecnologia collassò su sè stessa, causando quasi l’estinzione del genere umano. Ci si ritrova ora in un mondo principalmente desertico, dove una foresta composta di spore e funghi velenosi e mefitici, che avvelenano chiunque ci si avvicini e che sono la casa di immensi insetti.
La valle del vento, di cui Nausicaä è la principessa, è fortunatamente immune alla desertificazione creata dalla foresta della rovina, come viene comunemente chiamata: il vento che arriva dall’oceano e soffia costantemente tiene lontane le spore, e permette alla tranquilla comunità che la abita di rimanere relativamente al sicuro.
Purtroppo la pace non è destinata a durare per sempre: un velivolo militare un’altra nazione si schianta nella valle, portando con sé il pericoloso cargo che aveva a bordo: l’embrione di uno dei giganti che portarono i Sette Giorni di Fuoco, i giorni in cui la civiltà venne totalmente distrutta. A questo punto, la pacifica gente della valle del vento viene assaltata da un esercito desideroso di mettere mano ad un potere così gigante… ma per cosa? Sconfiggere le altre nazioni o combattere la foresta della rovina? E a quale costo?

La prima cosa che colpisce di questo film animato della durata di due ore è l’ambientazione: ci si ritrova in un mondo simil-medioevale, che viene tuttavia arricchito da elementi di tecnologia moderna e di fanta-tecnologia. Può parere strano e discordante, ma l’ambiente che si crea è magico e sin dai primi minuti fa calare perfettamente nel mondo di fantasia che ci viene presentato.
Andando avanti nella storia, ci si rende conto di quanta attenzione sia stata prestata al singolare ecosistema in cui ci si ritrova: la spiegazione relativa alle motivazioni degli insetti e della stessa foresta della rovina è geniale e credibilissima.

La storia è semplice, ma non per questo banale: Nausicaä vuole semplicemente che la sua gente possa vivere in pace, e si batte fino all’ultimo per tale scopo e per convivere con la natura che li circonda. Il modo in cui lei fa di tutto per il suo popolo è notevole, e aggiunge ulteriore interesse alla trama. In fin dei conti il ritrovamento del gigante risulta essere solo una specie di pretesto per inviare l’intera serie di avvenimenti, e il piacere sta nel seguire l’avventura che i personaggi vivono. Bisogna dire che il tono è molto serio: non c’è sangue o violenza esplicita, ma di gente – anche innocente – ne muore parecchia, e l’intera storia vede la protagonista affrontare gravi problemi e difficili decisioni.
Forse il finale risulta un po’ affrettato, ed è un po’ un peccato: sarebbe stato simpatico avere una conclusione che arrivi meno di corsa, ma ciò non risulta fuori posto al punto da infastidire.

Parlando dei personaggi, Nausicaä fa chiaramente la parte del leone essendo la protagonista: tiene perfettamente lo schermo, è simpatica, positiva, intelligente: è la protagonista perfetta. Sa quel che deve fare e non si fa scoraggiare dalle avverse circostanze, lavorando con costanza per raggiungere quanto necessario per raggiungere il miglior risultato possibile.
Anche gli altri personaggi “buoni” sono gradevoli. Partendo dai vecchiettini per arrivare al superspadaccino, essi vengono presentati solo in maniera parziale ma quanto si vede basta per far capire che non sono solo comparse usate per riempire lo schermo.
Sui “cattivi”, invece, bisogna dire che qualche lieve carenza c’è: della principessa Kushana non si riesce in definitiva a capire l’esatta attitudine, ed è un peccato poiché inizialmente sembrava un personaggio con ampie possibilità di sviluppo. Idem si può dire del suo viscido tirapiedi, che trama nell’ombra ma alla fine non combina nulla per tutta la serie.

La grafica è decisamente datata: questo film ha oramai venticinque anni, e qui e là si nota. Va tuttavia segnalato che, sebbene l’animazione non sia il top, alcuni disegni sono quasi mozzafiato.
Le musiche sono curatissime e molto, molto piacevoli e azzeccate.

Che altro dire di Nausicäa e la Valle del Vento? Poco altro, credo: è un anime che non offre tematiche illuminanti (se non, forse, una riflessione sulla stupidità della guerra), non ha una trama elaborata e ubriacante, non ha chissà quale rivlelazione in sé. È tuttavia un’Avventura con la A maiuscola, che per due ore fa sognare in un mondo diverso, con una meravigliosa protagonista e una natura che, dopotutto, forse non cerca unicamente di uccidere l’uomo, nonostante ciò che esso ha fatto a lei.

Voto: 9. Vedendo gli anni trascorsi, ha tenuto benissimo il passare del tempo: adoro gli anime fatte dai sognatori per i sognatori.

Consigliato a: chi vuol vedere com è nato il mito di Miyazaki; chi apprezza storie semplici ma intriganti; chi si chiede quanto può essere figo un vecchietto con barba bianca e due spade.

Annunci

3 thoughts on “Nausicaä of the Valley of the Wind

  1. “della principessa Kushana non si riesce in definitiva a capire l’esatta attitudine, ed è un peccato poiché inizialmente sembrava un personaggio con ampie possibilità di sviluppo.”
    “Forse il finale risulta un po’ affrettato, ed è un po’ un peccato: sarebbe stato simpatico avere una conclusione che arrivi meno di corsa”

    Letto il manga? Parte dai temi e dai personaggi del film, ma poi li espande ed evolve tantissimo.. imho è un capolavoro

    1. Purtroppo no: non ho avuto modo di metter mano al manga, e il parere è interamente dato in base al film senza ulteriori aggiunte. Effettivamente si vede che “ci può stare altra roba oltre a ciò”, peccato che non siano riusciti a metterla nell’anime.

      1. Imho il manga è troppo “denso” per riuscire in un operazione del genere.. non che comunque ci fosse molta scelta: l’ultimo volume è stato pubblicato 10 anni dopo l’uscita del film 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...