Gunbuster 2

La produzione per i 20 anni della Gainax:

Gunbuster 2

In un imprecisato futuro, Nono è una ragazza che fugge di casa perché vuole inseguire il suo sogno: diventare astronauta e difendere il suo pianeta dai mostri spaziali. Incontra più o meno per caso una pilota, Lark, che è una Topless, una pilota dei potentissimi robot che vengono utilizzati contro i nemici dell’umanità.
In seguito a diverse peripezie si viene quasi subito a scoprire che in realtà la vicenda non si svolge sulla Terra ma su Marte, e che Nono non è una normale ragazza ma è un robot… ma ciò non toglie forza al suo sogno di difendere l’umanità dai pericoli sempre maggiori che essa dovrà affrontare.

Quel che si può dire sin da subito è che la Gainax, in questi sei OAV creati per festeggiare i suoi 20 anni (è dal 1984 che dispensano delirio al mondo), ha tentato di mettere tantissime cose, facendo risultare il tutto un po’ troppo compresso: gli sviluppi si susseguono a ritmo incessante, non lasciando il tempo di far assorbire il cambiamento agli spettatori.
Spesso, difatti, le cose cambiano senza apparenti motivi: Nono passa da sbadata ragazza a esperta di mecha; Lark passa dal fastidio verso Nono ad un affetto profondo, senza alcuna fase intermedia; molte altre cose cambiano all’istante lasciando solo supporre che cosa sia accaduto nel frattempo. Sarebbe probabilmente risultato tutto molto più comprensibile (e piacevole) se avessero messo gli stessi -ottimi- contenuti in una serie di 12 puntate, che permettesse di sviluppare tutti gli aspetti della storia e dei personaggi che ci troviamo a seguire.

Ciò non toglie che la storia riserva un paio di colpi di scena abbastanza importanti (il primo totalmente inaspettato, il secondo prevedibilissimo) e la situazione dell’umanità, di cui ci vengono solo dati alcuni accenni, pare decisamente interessante e con un passato degno di nota.

Le musiche sono appropriate con una punta d’eccellenza nella sigla iniziale, con un groove che si rispecchia tanto nel nome della canzone, quanto nell’impressione all’ascoltarla.
I disegni risultano piacevoli ma non eccezionali: le parti animate ricordano FLCL (che però è di 4 anni più vecchio), mentre i combattimenti in CG sembrano esser presi direttamente da Vandread (e anche lui ha 4 anni in più). Senza infamia e senza lode.

Insomma, Gunbuster 2 è una serie apprezzabile, che però non rispecchia la grandezza della sua casa produttrice e -a mio parere- non è degna di rappresentarne l’apice di vent’anni di produzione.

Un paragone con l’originale Gunbuster è doveroso, e qui Gunbuster 2 ne esce con le ossa rotte; manca lo speciale mix di sentimenti che rese così mastodontico il suo predecessore, e quindi risulta meno interessante e coinvolgente. Non che sia brutto… ma non regge il passo.

Voto: 7.5. La fretta di dire troppe cose in poco tempo danneggia la visibilità… e dalla Gainax è lecito aspettarsi di più.

Consigliato a: chi ama i combattimenti spaziali esagerati; chi vuole una storia molto fitta; chi vuole usare la Terra come proiettile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...