Minami-Ke

Tre sorelle. Una casa. Mille casini.

Minami-Ke

In questo caso ci troviamo divanti allo slice of life più classico. Seguiamo infatti le vicende delle tre sorelle Minami attraverso più o meno un anno di vita. Se il genere vi sa di “già visto”, non è un caso: Minami-Ke è stato realizzato dagli stessi di Ichigo Mashimaro, e si nota dal primo secondo.

Nello specifico ritroviamo Chiaki, la sorella che va in 5° elementare, un vero genio del male sotto mentite spoglie; Kana, la sorella che va alle scuole medie, un cervello non propriamente funzionante ma la vitalità di uno scoiattolo in preda al crack; Haruka, la sorella maggiore, che da buona liceale è calma e posata… anche se forse nasconde qualche segreto nel cassetto.

Queste tre ragazze dai caratteri così diversi riescono a creare una quantità incredibile di situazioni divertenti e insolite, coadiuvate da un bel po’ di personaggi esterni che fanno la loro buona figura quando entrano in gioco.
Purtroppo la prima parte dello show è un po’ lenta (i personaggi “spalla” devono ancora entrare) e quindi a tratti risultano noiosi. Fortunatamente verso la 5°-6° puntata la situazione si risolleva e, con l’interazione con alcuni personaggi davvero geniali, le possibilità di divertimento sono aumentate in maniera esponenziale.

Dal punto di vista artistico, il comparto audio è praticamente identico a quello di Ichigo Mashimaro: stesse musichette, stessi strumenti. Se vi è piaciuto il primo piacerà anche il secondo: un po’ di originalità in più per dividere le serie, tuttavia, non avrebbe guastato.
Per quanto concerne la grafica, i disegni sono molto normali e nulla svetta al disopra della media… a parte gli sguardi in primissimo piano quando le cose si fanno serie. All’inizio erano quasi fastidiosi, ma dopo un po’ si capisce tutto il loro apporto comico alle situazioni più disparate.

In conclusione, Minami-Ke è il classicissimo anime senza trama: non ha la tenerezza di Ichigo Mashimaro, non ha la nerdaggine di Lucky*Star, non ha il sentimentalismo di Ouran Host Club… ma se volete un po’ di relax, dateci un’occhiata.

Voto: 7.5. Meno per la prima parte, più per la seconda: peccato però che gli sviluppatori abbiano riciclato così tanto da Ichigo Mashimaro… si nota.

Consigliato a: chi ama il genere; chi vuole seguire le televisive vicende di Ninomiya-kun e del suo sensei; chi vuol rimanere traumatizzato perché dicono la frase “ringraziamo i nostri sponsor” in maniera diversa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...