Elfen Lied

Passiamo ora ad un po’ di ultraviolenza:

Elfen Lied

Questo anime è stato comunemente rinominato Splatter Lied per l’inumana quantità di gore che contiene.
La storia in breve è questa: da un centro di ricerca scappa un Diclonius, che è un essere molto simile ad un umano ma con delle “braccia invisibili” che può usare a volontà. Tali braccia sono di una forza inumana, e possono facilmente strappare una testa dal corpo, piegare una canna di un’arma o smembrare completamente qualcuno… sin dalla prima puntata si capisce che il tenore di violenza sarà decisamente alto.

Questa diclonius scappata, Lucy, perde la sua memoria assassina e trova sistemazione presso un ragazzo, Kouta, che vive da solo in una grande casa perché la sua famiglia è stata trucidata in un sanguinoso incidente quando lui era piccolo, e di cui lui ha rimosso ogni ricordo.

Chiaramente il governo tenta di riprendere ciò che ha perso, e la memoria di Lucy pian piano comincia a riaffiorare, in schizofrenici momenti che alternano una giovane ragazza ad un’efferata assassina con inquietante facilità.

I disegni sono gradevoli, se non si è infastiditi da litri di sangue (abbastanza plasticoso, invero) che sgorgano durante le battaglie.
La storia in sé è abbastanza ben congegnata, e si sviluppa in maniera abbastanza lineare: i vari incontri con differenti elementi di pericolo sono sempre diversi e le minacce non sono mai uguali, portando quindi a battaglie che non sono fotocopie una dell’altra.

L’unica cosa che mi ha lasciato perplesso è il protagonista, Kouta: man mano che la storia si dipana, lui agisce in maniera sempre meno logica e comprensibile. Alcune sue prese di posizioni sono completamente inaccettabili per qualsiasi umano dotato d’intelletto, e questo purtroppo pesa un po’ sulla credibilità finale della storia.

Voto: 8

Consigliato a: chi ama il gore; chi vuol vedere ragazzine segarsi arti a vicenda; chi vuol farsi un viaggio nell’ultraviolenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...